domenica 17 luglio 2011

Sesso o Amplesso

Sesso sesso sesso
voglio farlo spesso
voglio farlo adesso
voglio farlo sempre
quando l'amor mi prende.

Su apri le tue gambe
e accogli questo glande
che scivola sicuro
nel tuo pertugio oscuro
fino a trovare in fondo
l'origine del mondo.

La nostra fantasia
scatena la frenesia
espande i nostri sensi
più di quel che tu pensi
si imperla la tua pelle
di gocce come stelle.

Noi proseguiamo il viaggio
attratti da quel miraggio
partendo dalla bocca
che impara quel che tocca
giungendo fin a la mente
ove divien cosciente.

Sopra di te il mio corpo
respira a fiato corto
con nobile baldanza
lui compie la sua danza.

Si innalza poi discende
con ritmo via crescente
schiumando in questa onda
poi dolcemente affonda.

La voluttà ci inebria
la carne e anche la mente
si avvinghiano le cosce
al corpo mio fremente.

Discende con violenza
nel fiore dove è entrato
e in fondo si ritrova
nel posto dove è nato.

Si inarca la tua schiena
indietro il capo tende
da fremiti e sussulti
percorso è già il tuo ventre.

Io poso le mie labbra
sul turgido tuo seno
mentre tra le tue sponde
il corpo mio si fonde.

Non riesco a soffocare
quell' urlo che dal cuore
pervade le mie membra
e poi gemendo muore.

Ricordo in giovinezza
facendo questo volo
diversa era l'ebbrezza
ma allora ero solo.

La voglia che fuoriesce
guizzando dal mio pene
inebria la vagina
che sotto di lui freme.

Spremuta dal mio membro
un pò filamentosa
si unisce a te la vita
che origina ogni cosa.

Mi scorre nelle vene
il sangue tumultuoso
si spegne il mio cervello
in cerca di riposo.

Lui piano si ritrae
si gira su se stesso
e sguscia fuori lento
distrutto dall'amplesso.

E mentre si ristora
sia il corpo che la mente
ripongo il mio bel glande
ancor nelle mutande.

Io son felice e triste
come non son mai stato
il corpo mio e lo spirito
di te si è inebriato ...

...mentre nelle mutande
riprude già il mio glande

Nessun commento:

Posta un commento