lunedì 15 novembre 2010

I BALUATI

Questo è un piccolo pensiero
che vuol far la compagnia
quattro rime messe in crose
e che dopo a sia finia.
Unco Antonio e so moiere
che a saria a baluata
si capissi quel che digo
a xe a Ada fasolata.
I decide che xe ora
de far festa coi so amissi
a ricordo de quei tempi
quando i jera ancor novissi.
Quando ancora el merlo maschio
che pasiensa nol gaveva
el sercava sempre el gnaro
e la sempre el ghe o meteva.
Ea contenta come a Pasqua
e col cuor riconoscente
a ghe andava sempre drio
par non farghe mancar gnente.
Poi col tempo che pian passa
anca a passera se scassa
e cominsia un fia a pesare
anca a vita coniugale.
Famme questo famme queo
Famme a spesa e torna indrio
non fermarte la zo in strada
a imbastir na ciacoeada.
Ti sta sitta non fiatare
qua so mi par comandare
e se a ti non te sta ben
Te poi pure ritornare
da to pare e da to mare.
Pian pianin come conviene
po se impara a stare insieme
più coa lima che se russa
pi che i spigoi se smussa.
E se impara a proprie spese
de no avere piu pretese
col rispetto e co ea pasiensa
se risolve ogni eveniensa.
Sensa tanto sberegare
e tirare tanto ea bocca
fare queo che a ti te toca
cossi tutti ze contenti
e sorride a quattro denti.
Caro Antonio cara Ada
quanto siete fortunati
tanto un tempo quanto adesso
voi vi siete sempre amati.
Sia nel fior di giovinezza
sia con fiori più maturi
condiviso avete sempre
tempi buoni e tempi duri.
Poi la pace pian li prende
sol dei sensi ben s'intende
e i miei cari cicisbei
diventati son fradei.
E la dentro al comodino
i fa adesso da paroni
un rosario e na bea bibbia
proprio al posto dei goldoni.
Or la gioia riempie il cuore
e svanir fa ogni tristezza
ogni volta un nipotino
che con tanta tenerezza
dice nonna e caro nonno
io vi voglio tanto bene
e stringendosi sul petto
fa capir che v'appartiene.
Una lacrima salata
scende piano lungo il viso
pulsa forte in petto il cuore
e sbocciare fa un sorriso.
Vi vogliamo tutti bene cari amici e noi vogliamo
che possiate sempre assieme esser felici.
Non vi voglio più annoiare ...
or coe gambe soto ea toea
scominsiemo anca a magnare.

Nessun commento:

Posta un commento